Passa ai contenuti principali

Beatitudini, il «codice di santità del battezzato» (Angelo De Donatis)

Nel terzo incontro del ciclo dedicato all’esortazione apostolica Gaudete et exsultate, il cardinale vicario De Donatis ha parlato di un Dio che decide «lucidamente» di dimenticare i nostri peccati

https://www.romasette.it/wp-content/uploads/gaudete-et-ecsultate-10-dic-18.jpg
Le beatitudini, ovvero la rotta da seguire per diventare santi. Proclamate da Gesù in Galilea rappresentano la «carta d’identità del cristiano» come le definisce Papa Francesco. Tre delle otto beatitudini enunciate nel Vangelo di Matteo sono state al centro del terzo incontro dedicato all’esortazione apostolica di Bergoglio “Gaudete et exsultate” svoltosi ieri sera, lunedì 10 dicembre, nella basilica di San Giovanni in Laterano. Organizzata dalla diocesi di Roma per l’anno pastorale in corso, tema della catechesi è stata “La scala della felicità. GE 65-94. San Francesco d’Assisi: Nell’umiltà la grandezza”. L’incontro è stato organizzato in collaborazione con la Direzione Generale per lo studente, lo sviluppo e l’internazionalizzazione della formazione superiore del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca (Miur).

 Il cardinale vicario Angelo De Donatis ha rimarcato che la santità è «una chiamata rivolta a tutti» ma per accoglierla bisogna entrare in una relazione d’amore con il Padre e «affermare che Colui che chiama è Colui che dona». In quest’ottica le beatitudini raffigurano il «codice di santità del battezzato». Beati i poveri, beati gli afflitti e beati i puri sono i primi tre pioli da salire sulla scala che conduce alla felicità. Una felicità che il mondo definisce «paradossale» ha spiegato il porporato perché «non si identifica immediatamente con la realizzazione di sé, con il successo nella propria esistenza, con il soddisfacimento di tutti i propri desideri» ma matura nel tempo in una relazione di fiducia e abbandono.

 Per intraprendere questo cammino bisogna quindi oltrepassare la porta della povertà evangelica ha proseguito il cardinale analizzando la prima beatitudine insegnata da Cristo vicino a Cafarnao, quella che riguarda “i poveri in spirito”. “Beati gli afflitti” sono un altro paradosso per la società odierna nella quale «ci affliggiamo per tante cose, poco dei nostri peccati – ha aggiunto De Donatis –. Viviamo nella società dello scandalo per cui il male deve far parlare. La ricerca mediatica del capro espiatorio è diventata la cifra della comunicazione contemporanea e il mondo ecclesiale non è esente da questa dinamica». Ma l’afflizione reale è quella che permette di guardare alle conseguenze dei propri peccati «con lucidità» consapevole che «c’è un Dio che lucidamente decide di dimenticarli».

Infine il cardinale si è soffermato sui “beati i puri di cuore”, intesa nel fare le cose per amore di Dio. «Qui ci vorrebbe un serio esame di coscienza ecclesiale – ha concluso – quante cose belle facciamo, ma quante cose compiamo per essere ammirati dagli altri».

(fonte: Avvenire - RomaSette, 11 dicembre 2018)

Commenti

Post popolari in questo blog

Il Papa e l’aborto: «Misericordia per tutti». E sul sesso: «È un dono di Dio, non è un mostro»

Di ritorno da Panama, Bergoglio parla anche del popolo venezuelano: «Mi fa paura lo spargimento di sangue, serve una soluzione giusta e pacifica». E sui sacerdoti: «Rendere facoltativo il celibato dei preti? Io non lo farò»

DAL VOLO PAPALE - Gli si chiede se le sue attese sono state soddisfatte e il Papa alza appena le spalle, «il termometro per capirlo è la stanchezza, e io sono distrutto». Eppure non si direbbe, quando Francesco raggiunge in fondo all’aereo i giornalisti che lo hanno seguito durante la Giornata mondiale della gioventù. Gli preme dire una cosa: «Panama è una nazione nobile. Come in Colombia, ho visto l’orgoglio dei panamensi, sollevano i bambini come a dire: questo è il mio orgoglio, la mia fortuna. Nell’inverno demografico che stiamo vivendo in Europa, in Italia è sottozero, qual è l’orgoglio? Il turismo, la villa, il cagnolino…Pensiamoci».  

Santità, in questi giorni ha detto di sentirsi molto vicino ai venezuelani, e domenica ha chiesto «una soluzione gi…

Approvata ufficialmente la nuova traduzione del Padre nostro: “non abbandonarci alla tentazione”. Modificato anche il Gloria

L’Assemblea generale della Cei ha approvato la traduzione italiana della terza edizione del Messale Romano, a conclusione di un percorso durato oltre 16 anni. Dopo l'approvazione finale alla Santa Sede per i provvedimenti di competenza, andrà in vigore la nuova versione del Padre nostro («non abbandonarci alla tentazione»).




L’Assemblea generale della Cei ha approvato la traduzione italiana della terza edizione del Messale Romano, a conclusione di un percorso durato oltre 16 anni. In tale arco di tempo, si legge nel comunicato finale dell’Assemblea generale straordinaria della Cei (12-15 novembre), vescovi ed esperti hanno lavorato al miglioramento del testo sotto il profilo teologico, pastorale e stilistico, nonché alla messa a punto della Presentazione del Messale, che aiuterà non solo a una sua proficua recezione, ma anche a sostenere la pastorale liturgica nel suo insieme.
Il testo della nuova edizione sarà ora sottoposto alla Santa Sede per i provvedimenti di competenza, o…